van helsing

Tra pochi giorni Belgioioso Fantasy

Belgioioso-Fantasy1Torna Belgioioso Fantasy, per una Pasqua all’insegna di elfi, maghi, orchi, cavalieri e magiche atmosfere.
Il 31 marzo e il 1 aprile appuntamento con più grande manifestazione d’Europa dedicata al genere fantasy, al mondo delle fiabe e al gotico presso  il Castello di Belgioioso.

Lunedì avrà luogo lo spettacolo a cavallo sul tema “Signore degli Anelli” tra orchi e forze della Terra di Mezzo.

Il Castello sarà visitabile domenica dalle ore 14.00 alle ore 20.00 e lunedì dalle ore 10.00 alle ore 20.00, e catapulterà i visitatori nell’età di mezzo, con 140 botteghe e banchi a tema fantasy e medioevale dove sarà possibile fare acquisti esclusivamente con la moneta elfica. Il Castello e il parco saranno avvolti da un’atmosfera tra il gotico e il fantastico, dove sarà possibile incontrare elfi, maghi, orchi, giullari, cavalieri, ma anche streghe vampiri e lupi mannari! La nuova edizione,
infatti, pur conservando quelle caratteristiche che l’hanno resa tato amata dal pubblico, presenterà una novità: non sarà più dedicata solamente al mondo de “Il Signore degli Anelli” come nelle prime edizioni, ma al genere fantasy in generale, al mondo delle fiabe e al gotico.

I principali temi della manifestazione saranno i 5 delle precedenti edizioni, Il Signore degli Anelli, Harry Potter (quest’anno ampliata con nuovi espositori e cosplayers), Le Cronache di Narnia, Van Helsing, Alice nel Paese delle Meraviglie (riservato ai più piccoli), ai quali quest’anno si aggiungerà un’area dedicata al film Lo Hobbit.

Sono molte le attrazioni in programma: battaglie tra cavalieri, scuole di magia, danze e ballate elfiche, mostre tematiche: “Armi e Armature nel Medioevo dal X al XVI Secolo”, “Streghe, Stregoneria e Inquisizione”, “Mondi in Miniatura, Soldatini e miniature storiche e fantasy” ed, infine il film “LadyHawke” .

Nel biglietto di ingresso, per tutti i bambini (da 5 fino a 12/13 anni) è compresa la vestizione (abito completo), l’armamento (spade in lattice o gomma e scudi in legno), l’arruolamento, l’addestramento e l’iscrizione (in diverse fasce di età) per l’avventura con gli animatori.

Se volete saperne di più: www.belgioiosofantasy.it

Angelica Tintori e il mito di Dracula.

Dopo aver a lungo viaggiato nel mondo fantasy, i vostri intrepidi conduttori si sono concessi una fuga nel mondo horror. Non abbiamo proprio timore di nulla noi – o quasi. Spavalde e sicure come il miglior Van Helsing, Clo e Laura hanno deciso di incontrare il grande Dracula. E da chi potevano farsi guidare nell’esplorazione di questo affascinante mondo se non da Angelica Tintori e Franco Pezzini? Braccata allo stand della Gargoyle Books, Angelica Tintori ci ha parlato di The Dark Screen e di Peter & Chris. I Dioscuri della  Notte, due interessanti testi che raccontano le molteplici rappresentazioni del Principe delle Tenebre sul grande e piccolo schermo e  le figure di Peter Cushing e Christopher Lee.  In mancanza di Franco Pezzini allo stand Angelica ne ha prodotto anche un’ottima imitazione . Per essere conquistati dalla simpatia di Angelica e  rimanere affascinati dai segreti del Signore dei vampiri vi basterà ascoltare l’intervista che le abbiamo fatto:

Ascolta l’intervista:[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2011/05/Tintori.mp3|titles=Tintori]

 

AUTORI: Franco Pezzini e Angelica Tintori

TITOLO: The Dark Screen. Il mito di Dracula sul grande e piccolo schermo

EDITORE: Gargoyle Books

ISBN: 978-88-89541-28-9

PREZZO: 19,00 €

The Dark Screen: Nessun personaggio, reale o di fantasia, ha conosciuto più trasposizioni sullo schermo – cinematografico o televisivo – del Conte Dracula. La creatura di Bram Stoker precede di gran lunga, in tale primato, Sherlock Holmes (insediato saldamente al secondo posto). Quali i motivi di un successo così clamoroso e longevo? Come si è evoluta la figura del Principe delle Tenebre dagli albori del cinema all’era degli effetti speciali? Qual è il filrouge che lega cineasti e interpreti tanto diversi tra loro, sconfinando nel musical, nel porno, nella pubblicità? The Dark Screen non è, attenzione, uno dei soliti libri di cinema, ricchi di foto e illustrazioni cucite insieme con un commento più o meno originale e corredate da un elenco di “schede” che oggi ogni fan può autonomamente (e gratuitamente) scaricarsi da Internet. Qui, il mito è analizzato nelle sue radici più remote e passato in rassegna in maniera completa e rigorosa, con competenza profonda e amore sviscerato, componendo un quadro di insieme probabilmente unico nell’ambito della saggistica su Dracula.

 

AUTORI: Franco Pezzini e Angelica Tintori

TITOLO: Peter & Chris. I Dioscuri della notte.

EDITORE: Gargoyle Books

ISBN: 978-88-89541-50-0

PREZZO: 16,00 €

Peter & Chris. I Dioscuri della  Notte: Poche coppie dello schermo hanno influito tanto profondamente sull’immaginario collettivo quanto quella formata da Peter Cushing e Christopher Lee. Nel corso delle rispettive, lunghe carriere, i due attori si sono cimentati nei più svariati tipi d’interpretazione, ma la consacrazione a icone internazionali è avvenuta sul terreno dell’horror. A partire dai primi e ormai leggendari film in coppia per la Hammer, The Curse of Frankenstein (1957) e Dracula (1958), e via via di pellicola in pellicola, Cushing – che muore nel 1994 – e Lee – ancora oggi attivissimo a quasi novant’anni – hanno saputo intessere un rapporto professionale e personale di profonda amicizia. Entrambi eclettici e ricchi di doti artistiche, questi “Dioscuri della notte”, in transito incessante sullo schermo tra castelli e sepolcri, rappresentano una testimonianza dello spessore professionale e personale che può star dietro a film etichettati come “popolari”. Mai consumate in stereotipi, le maschere offerte da Cushing & Lee hanno spalancato all’Occidente del secondo Novecento una rinnovata galleria di mostri gotici. Con loro si afferma un sofisticato sistema simbolico di enorme impatto sul pubblico, più vivo che mai anche nell’età di Twilight. Ulteriore testimonianza ne è il diffuso e appassionato culto che corre tuttora sul web. Culto che riconosce nella storia di questo tandem un’appassionante epopea sia umana sia cinematografica, nonché un capitolo fondamentale delle mitologie dell’uomo moderno.

Franco Pezzini: Nato a Torino nel 1962, laureato in Diritto Canonico con la tesi Esorcismo e magia nel Diritto della Chiesa, è studioso dei rapporti tra letteratura, cinema e antropologia, con particolare attenzione agli aspetti mitico-religiosi. Tra i fondatori della rivista “L’Opera al Rosso”, collabora a “L’Indice dei libri del mese”, a “LN – Libri Nuovi” e al sito Carmillaonline (letteratura, immaginario e cultura d’opposizione). Ha pubblicato i saggi Cercando Carmilla. La leggenda della donna vampira (Ananke, 2000), e – insieme ad Arianna Conti – Le vampire. Crimini e misfatti delle succhiasangue da Carmilla a Van Helsing (Castelvecchi, 2005).

Angelica Tintori: nata a Milano nel 1967, laureata al D.A.M.S. di Bologna dopo anni di frequentazione della Facoltà di Filosofia  all’Università Cattolica di Milano. Lavora con il Museo Teatrale alla Scala nel 1995, ideando e curando la mostra “L’incantevole artificio – Il melodramma nel cinema”. Dal 1997 al 2004 è soggettista e sceneggiatore di Legs Weaver e Nathan Never per la Sergio Bonelli Editore. Pubblica il suo primo libro nel 2000 con la PuntoZero di Bologna: Michael Crichton – Medici, dinosauri & Co., mentre l’ultimo è C.S.I. Crime Scene Investigation per la collana I Telenauti (Delos Books) che ha anche curato. Scrive su varie testate, ultima delle quali “Fiction Tv”, e collabora con alcune università; e festival letterari.

 

Ascolta R.I.D.

dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31