Una cascata di fumetti: i primi due giorni di Mercury Comics a Lucca C&G 2015

IMG_4977

Siamo al giro di boa.

Due giornate intense, giovedì e venerdì, hanno consentito a Mercury Comics di distribuire notizie, intervistare autori ed editori e divertire tutta la squadra presente a Lucca Comics&Games e, ci contiamo, tutto il pubblico che ci ha seguiti (o che ci seguirà in streaming).

Un po’ di nomi? Ma certo!

Autori quasi esordienti (Come Tiziana De Piero, che ha portato su carta le storie di Fidanzato vampiro) si sono alternati con esperti come Lorenzo De Felici, Mauro Uzzeo ed Emiliano Mammuccari (Orfani), Ennio Bufi  e  Claudio Chiaverotti (Morgan Lost – entrambi nella foto) e beniamini del nostro pubblico come Danilo Antoniucci (Cronache di un malandrino e Brainsther), Sio e Bigio. Davvero volete sapere tutto quel che fanno? Non abbiamo abbastanza spazio qua per raccontarlo, vi tocca ascoltare le trasmissione ;-).

E tanti altri … avete presente Maurizio Manzieri? Donald Soffritti? Giorgio Salati? Enrico “Nebbioso” Martini?
Vogliamo parlare di case editrici? Anche in questo caso lo spazio è stato spartito equamente tra piccole realtà davvero interessanti – ad esempio Cyrano Comics e Lavieri Edizioni – e veri colossi: da non perdere il confronto dialettico tra Nicola Peruzzi di Marvel Italia e Lorenzo Corti per DC Comics – RW Lions).

Una chicca che ci sentiamo di segnalare, per BD, il volume “Fidati, è amore”, illustrato in modo strepitoso da Daniele Serra.

Ah, non dimentichiamo che abbiamo anche consegnato i Mercury Comics Awards 2014:

 

  • Per il Packaging il vincitore è stato “Tre piani, la storia segreta dell’uomo gigante” di Matt Kindt, edito da 9L (Panini)
  • Per le categorie Colore e Disegno il premio è andato a “Ekhö – Mondo specchio” di Alessandro Barbucci, edito da BAO
  • Per le categorie Sceneggiatura e The best è stato premiato Seconds di Bryan Lee O’Malley, edito da Rizzoli Lizard
  • Premi speciali sono stati assegnati a Danilo Antonuicci per “Cronache di un malandrino” edito da Grifo Edizioni ed a “Cotto a puntino” di Guillaume Long edito da BAO.

Complimenti a tutti!

Leave a reply