fantasy

Chattando con Monica di Battista: quattro chiacchiere su “Sfigabella e il Vampirozzo”

Questa volta la redazione di Fantasy On Air ha deciso di sfidarsi e di trovare qualcuno altrettanto fuori di testa. L’impresa all’inizio sembrava ardua ma poi ci è capitato fra le mani Sfigabella e il Vampirozzo di Monica di Battista edito da UR editore: quando si dice il destino!! Dopo esserci ammazzati di risate nel leggere Sfigabella, l’abbiamo contattata e preso accordi per intervistarla. Eravamo quasi pronti a inviarle le domande, quando lei ci ha raggiunto in chat. Potevamo farci scappare questa occasione? Ignara Monica ha accettato di trasformare l’intervista in una chattata (se ne sta ancora pentendo…). Due ore di tortura ed ecco qui il risultato: Monica è pazza quanto noi!! Questo ci piace!!!

Se avete amato Twilight o se lo avete odiato ma anche se ne avete solo sentito parlare (sì, sì, ci stiamo credendo che il film non l’avete visto…), gustatevi l’intervista qua sotto e, se non l’avete ancora fatto, immergetevi nelle pagine di Sfigabella e il Vampirozzo per qual è la REALE storia di Bella ed Edward!

 

FOA:  Benvenuta, prima di tutto, in Fantasy on Air. Sei proprio masochista, non avevi niente di meglio da fare che farti intervistare da dei fuori di testa come noi? Sai che è a tuo rischio e pericolo vero?

Moki77:  Io adoro i fuori di testa perché lo sono anche io!!! Quindi sono prontissima

FOA:  Abbiamo notato, abbiamo notato… e già ci piaci. Senti parlaci un pochino di te, cosa fa Monica di Battista quando non immagina vampiri?

Moki77:  Lavora come un somaro!! La mattina mi occupo di gestione del credito in un’azienda, il pomeriggio curo due bimbe e la sera scrivo articoli per Best Movie e per Twilight Fans Italia che è il sito che gestisco insieme a delle care amiche. Insomma non sto ferma un attimo!

FOA:  Vita impegnativa… e qui ti volevamo, ma con tutte le cose che hai da fare, come ti è venuta anche l’idea di scrivere anche un libro? Per la serie, “mah ho ancora 2 orette che mi avanzano, perché dormire, scriviamo…”

Moki77:  Ahahaha esatto!

No in realtà è nato come gioca tra fans. Un giorno ho avuto modo di incontrare delle ragazze con cui mi scrivevo sempre su un forum tematico di Twilight, ne sono uscite una serie di stupidate che mi hanno spinto a provare a parodiare la Saga il sostegno di quelle ragazze è stato incredibile e fondamentale senza di loro non mi sarei mail lanciata in questa avventura

FOA:  Quindi hai avuto da subito il supporto delle fans di Twilight (ricordiamo che sei l’ideatrice e la fondatrice del Twilight Fans Italia). Non hai avuto neanche per un momento il timore che le adoratrici dei Cullen avrebbero reagito male e avrebbero tentato di esporti al sole?

Moki77:  Assolutamente si! temevo mi rigassero la macchina!!! Invece molte di loro si sono dimostrate spiritosi e molto supportive. Qualche estremista che storce il naso c’è ma alla fine va bene così

FOA:  Beh hai tutto il nostro appoggio, Sfigabella è esilarante. Nel caso ti rigassero la macchina ti prestiamo il crick per vendicarti!! Hai comunicato la notizia sul sito o l’hai tenuta segreta fino all’ultimo?

Moki77:  L’ho resa pubblica solo quando ho avuto la certezza che il progetto sarebbe andato in porto, sai com’è un po’ di scaramanzia non guasta mai…

FOA:  Giusto, anche se noi non siamo scaramantici… oh azz.. è passato un gatto nero sotto la scala, versando l’olio… lancia il sale, lancia il sale… ehm ehmm scusa piccoli problemi tecnici… dicevamo di Sfigabella… hai parlato di Saga, come del resto lo è Twilight, ciò significa che stai scrivendo anche gli altri libri? Riuscirà Sfigabella a consumare con il suo amato Eduard dal ciuffo portentoso? Anche con Carlail non sarebbe male…

Moki77:  Ho scritto i primi capitoli della parodia di New Moon che si intitolerà “Sfigabella e i Lunatici” sono arrivata fino al famigerato abbandono per ora e devo dire che ho provato una certa soddisfazione a sorridere di una delle parti più tristi e pesanti della Saga hihihih

Sulla pubblicazione per ora non mi sbilancio ma diciamo che ci sto lavorando

FOA:  Incrociamo le dita, incrociamo le dita!!!

Moki77:  Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeee

FOA:  Per quanto riguarda i personaggi, tolto Carlail che per noi che non apparteniamo più agli enti è sicuramente il più appetibile (termine giusto visto che parliamo di vampiri), qual è il tuo preferito?

Moki77: Io sono da sempre Team Alice: è in assoluto la migliore!! Solare, modaiola e per niente paranoica, insomma un toccasana-

FOA:  Che però sta con “paletto Giasper”… Rosalie non ti piace tanto vero?

Moki77:  Bah Rosalie incarna la figona stronza per cui si fa fatica a sostenerla anche se in Breaking Dawn si riscatta un pochino. Con la parodia mi sono vendicata spacciandola per trans hahaha

FOA:  ahah sì bellissima vendetta. Abbiamo apprezzato anche noi!! Hai sempre saputo di avere questa grande capacità comica o è stata una sorpresa?

Moki77:  Assolutamente no ed ogni volta che rileggo un capitolo appena parodiato mi sorprendo di quanto riesco ad essere scema! Non sono cose su cui medito, mentre scrivo vengono fuori da sole. A pensarci bene è un tantino inquietante hahah

FOA:  Beh allora complimenti! Sei un talento naturale, una forza della natura. Fra l’altro una delle grandi qualità del libro è la tua capacità di non scadere mai nel volgare ma di far ridere in modo semplice, pulito. Sfigabella è il tuo primo libro? Avevi mai pensato di diventare una scrittrice prima?

Moki7: È  la prima volta che mi cimento in una cosa del genere, ho sempre adorato leggere ma mai e poi mai ho pensato di essere anche in grado di scrivere. Diciamo che la Saga si è prestata bene ad essere parodiata perché offre tanto sotto testo su cui si può giocare, in altri ambiti non so se sarei all’altezza anche se – molto umilmente – mi piacerebbe provare un giorno

FOA:  Che genere di libri ti piace leggere? E che genere di libri ti piacerebbe scrivere? Insomma di quale personaggio desidereresti tanto fare la parodia?

Moki77:  Leggo di tutto, qualsiasi genere dal fantasy, al comico, al romanzo, ai grandi classici (adoro Jane Austin). In questo periodo mi sta ronzando in testa un’idea sui rapporti difficili tra uomo e donna, insomma una sorta di manualetto divertente su come sopravvivere a certi elementi diciamo. Chissà che magari davvero un giorno mi metterò a scriverlo. Comunque, per tornare alla domanda, al di la della saga di Twilight non so cosa potrei parodiare perché in realtà non tutto si presta bene… vi immaginate se provassi a parodiare, che so, libri stile “50 sfumature?”

Tremo al pensiero…. forse però Hunger Games…

FOA:  Ti preghiamo, ti preghiamo, daccene un assaggio!!! E una parodia di Jane Auster? Come sarebbe?

Moki77:  No la Austen è un mostro sacro!!! Ci hanno già provato con “Orgoglio, Pregiudizio e Zombie” e devo dire che non è stato un granché… ma Hunger Games qualche spunto lo offre dai, immagino i possibili alterchi tra Peeta e Katness, oppure l’allenatore ubriacone che invece di cadere dal palco fa un rutto in dolby surround e strappa tutti i capelli ad Effie, insomma cose così heheh, provate a pensare a Katniss che sbaglia a prendere la mira con la freccia nell’arena e invece di colpire un nemico centra Peeta negli zebedei… non credo che lui la prenderebbe  benissimo!!!

FOA:  Ahahhaha

Moki77: Sscherzi a parte non so davvero cosa sarei in grado di parodiare

FOA:  Beh ci sembra che tu riesca benissimo a farlo con qualsiasi cosa, pure improvvisando! Davvero complimenti! Ritornando seri (e mo’ ci crediamo, sì, sì)… nel libro ci sono anche molte illustrazioni ad opera di  Rossella Piccini. Com’è stato lavorare con lei? Avete creato in sincrono o le hai dato il libro e detto “arrangiati”?

Moki77: Ssiete troppo buoni!

Rossella è una mia carissima amica da 20 anni ed è una meravigliosa professionista le ho mostrato prima i volti degli attori che impersonificavano i vari personaggi del libro e poi le ho fornito quella che volevo fosse la loro caratterizzazione nella parodia lei ha capito subito cosa volevo e nel giro di breve sono nati i nostri personaggi in Sfigabella e i Lunatici ce ne saranno di nuovi come Charlie e i Volturi penso proprio che sarà diverte cerare anche loro li ho già tutti in mente

FOA:  Stai davvero stuzzicando la nostra curiosità.. Soprattutto su i Volturi… non ti chiediamo anticipazioni solo perché sappiamo già che sarà una goduria ritrovarli in Sfigabella e i Lunatici. Ma se avessi la possibilità di incontrare la Meyer, cosa le diresti?

Moki77:  Le direi solo GRAZIE perchè con la sua semplicità ha creato un rifugio speciale per tutti quelli che avevano voglia e bisogno di sognare. Con la sua storia è riuscita a stimolare la creatività di tante persone e a smuovere davvero fiumi di gente che grazie a lei ha stretto amicizie e fatto esperienze che rimarranno per sempre nel cuore. Io sono una di quelle e per questo le sarò infinitamente grata, e poi la supplicherei di scrivere ancora qualcosa della Saga, Midnight Sun in primis ma anche un sequel di Breaking Dawn sarebbe molto gradito

FOA:  Beh Midnight Sun è Twilight visto da Edward… come pensi che Eduard parlerebbe di Sfigabella?

Moki77:  HAHAHAHAHAHA non posso svelarlo ma anche in questo caso sappiate che nella mia mente malata è già tutto ben delineati. Vi dico solo di provare ad immaginare cosa verrebbe fuori quando lui la spia mentre dorme… un accenno l’ho già dato in Sfigabella, li poi mi scatenerei alla grande!

FOA:  Ahahhaha…. OMG ci si è stampata un’immagine in testa!! ahahahha. Allora attendiamo anche quello!  Ritornando seri (ci riproviamo ma come puoi notare ci riesce poco). Parte del ricavato del libro è stato devoluto alla Fondazione P.U.P.I., come mai questa scelta? Hai voglia di parlaci della fondazione o preferisci che facciamo copia e incolla dal risvolto di copertina?

Moki77:  PUPI è un’associazione che si occupa di aiutare bambini e ragazzi che altrimenti non avrebbero un futuro, che non hanno nulla e vivono in mezzo a violenza e delinquenza. L’Associazione fornisce loro un’alternativa di vita che spesso per loro significa proprio avere una vita. Tanti hanno la stessa età di target che segue la Saga solo che non si possono prendere il lusso di sognare e quindi ho pensato che nell’ottica di regalare un sorriso sarebbe stato bello poterlo fare non solo con i fans ma anche e soprattutto con chi purtroppo ha poco per cui sorridere. Il meccanismo è semplice: comprando la parodia ci si regala un sorriso perché è leggera e soprattutto lo si regala a questi ragazzi visto che parte del ricavato a andrà a loro. A volte basta davvero poco per fare qualcosa…

Se mai riuscirò a pubblicare la parodia degli altri 3 libri della saga anch’essi saranno legati ad altrettanti progetti benefici, ci tengo molto a questo aspetto

FOA:  Davvero complimenti Monica, ci dimostri che dietro a un grande talento comico batte un grande cuore. Il tuo è un messaggio importante che ci sentiamo di sostenere, motivo per cui ti auguriamo di vendere tantissimo e di produrre anche il resto della saga.

Moki77:  Grazie di cuore a voi

FOA:  C’è qualcosa che ancora non ti abbiamo chiesto (oltre ai contatti ma quelli sono di rito la domanda finale) e che ti piacerebbe tanto far sapere? Qualche curiosità…

Moki77:  Uhmmmm… in realtà penso che ci siamo dette tutto, magari, se non è un problema ovviamente, un aneddoto carino che spiega un po’ la faccenda dei rapporti che si sono creati tra fans riguarda il casting come comparse di New Moon. Eravamo tutti a Montepulciano per fare questo casting. All’epoca io pubblicavo Sfigabella su un forum a puntate. Mentre eravamo un coda una ragazza di nome Valentina Patrocchi mi ha sentito parlare, si è voltata verso di me e mi ha chiesto “scusa, ma per caso tu sei quella di Sfigabella?”. Alla mia risposta affermativa mi ha buttato le braccia al collo e mi ha ringraziato per tutte le risate che le avevo regalato in un momento non felicissimo. È stata la soddisfazione più grande che abbia mai avuto e ad oggi è una delle mie più care amiche. Questa è la magia della passione

FOA:  Beh vedi, ci hai spiazzato di nuovo… noi che volevamo liquidarti alla Marzullo “si faccia una domanda e si dia la risposta” e tu ci racconti una bellissima storia. Inoltre ci fai venire in mente ancora una cosa da chiederti… se dovessi fare il casting di Sfigabella, a parte Pattinson che come Eduard è perfetto, sceglieresti gli stessi attori di Twilight o cambieresti qualcuno?

Moki77:  Sapete che vi dico? Sarebbe favoloso vedere gli attori “originali” cimentarsi in questa cosa! Chi meglio di loro potrebbe prendersi gioco del personaggio che interpretano? E poi ce ne sono un paio che sono sicura potrebbero darci grandi soddisfazioni hahaha

FOA:  Tipo Esme?

Moki77:  Esme chi? ahaha no scherzi a parte sono certa che Jackson Rathbone (Jasper), Kellan Lutz (Emmett) e soprattutto Robert Pattinson sarebbero fenomenali nella caricatura dei loro personaggi. Pattinson soprattutto ha una vena comica innata…

FOA:  Come ogni inglese che si rispetti in effetti…  Bene, credo davvero che ti abbiamo chiesto tutto, ultimissima cosa: se qualcuno volesse contattarti o sapere qualcosa in più di te, dove/come può trovarti?

Moki77:  al mio indirizzo mail moki779@gmail.com, oppure sulla pagina ufficiale di Sfigabella su Facebook.

Grazie infinite per il vostro tempo davvero, siete stati carinissimi

FOA:  Grazie e te per la disponibilità e la simpatia!! Ti facciamo davvero i migliori auguri per questo libro, per gli altri e per tutti i progetti che ti frullano in testa. Dobbiamo ringraziarti, ci hai regalato delle ore di vero divertimento e piacere con Sfigabella!! Continua così.

Autore: Monica di Battista

Titolo: Sfigabella e il Vampirozzo

Editore: UR editore

Anno: 2012

Pagine: 190

ISBN: 978-8897547082

Prezzo: € 11,70

Sfigabella e il Vampirozzo: Sfigabella è una normale adolescente alle prese con ormoni, goffaggini e seccature scolastiche. Stanca di fare il moccolo, si trasferisce dal padre, in un paesino di poche anime. Ad attenderla un destino ingrato, sancito dall’incontro con il giovane, forse non troppo, e poco perfetto, Vampirozzo Kallen. Tra tentazioni e istinti irrefrenabili questa parodia farà sorridere anche il più accanito dei Twifans. Un’opera dissacrante scritta da una Twilighters che ha letto mille e mille altre volte ancora la saga dei vampiri più famosa del XXI secolco. Sfigabella e il vampirozzo è l’opera d’esordio di Moky77.

 

 

2 luglio 2012: Paola Boni in diretta a Fantasy On Air

Un mese è già passato dall’ultima diretta di Fantasy On Air, e il vostro staff preferito è già pronto per torturare un nuovo ospite in diretta. Vittima di questa nuova puntata sarà Paola Boniche ci parlerà della sua nuova fatica, Amon III – L’Apocalisseedito dalla fu Casini editore ora Art of Life e di tutti i progetti correlati a questo libro.

Sopravviverà la nostra eroina alla redazione più pazza del mondo? Se volete scoprirlo, ascoltateci lunedì 2 luglio alle 21,00, su improntadigitale.org!!

Stay Tuned!

P.S. Vi ricordiamo che durante la diretta è possibile suggerire metodi di tortura alla redazione o, più banalmente, fare domande a Paola, chattando con noi attraverso il nostro profilo Facebook Fantasy on Air

Alfonso Zarbo parla di Stirpe Infernale al San Giorgio Fantasy

Durante il San Giorgio di Mantova Fantasy abbiamo incontrato Alfonso Zarbo, uno degli organizzatori della kermesse. Oltre a parlarci del festival annuale che lui collabora a tenere in vita, Alfonso ci ha raccontato alcuni retroscena di Stirpe Infernale, l’antologia di racconti fantasy di cui è curatore insieme Filomena Cecere e Roberto Carlo Deri, pubblicata da Editori Riuniti GDS nella collana Nocturna.

Con grande fatica siamo riusciti a non farci travolgere e a non iniziare a chiacchierare dei nostri telefilm preferiti ma il talentuoso Alfonso era pur sempre sotto le grinfie della redazione più pazza del mondo, che, purtroppo per lui, è riuscita a trasformare l’intervista in un surreale inferno per il giovane Alfonso. Pretendevate mica che fossimo seri?

In quanto curatore, si sa, ha dovuto subire in loro vece le torture che avremmo inflitto a tutti gli autori dell’antologia, se li avessimo acchiappati ad uno ad uno. Purtroppo non ci siamo riusciti, ma li citiamo tutti e ricordiamo loro che il microfono di Fantasy on Air è sempre in agguato.

Christian Antonini – Filomena CecereLuca Centi – Matteo Cortini – Paolo Di Orazio – Fabrizio FurchìRoberto Genovesi – Matthias Graziani – Marco Guadalupi – Emanuele Manco – Thomas Mazzantini – Leonardo Moretti – Michele TetroIrene VanniAlfonso Zarbo – Vito Di Domenico (prefazione) – Roberto Carlo Deri (postfazione) – Sara Forlenza (copertina).

 

Ascoltate l’intervista ad Alfonso:

[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2012/06/Zarbo_stirpe_infernale.mp3|titles=Zarbo_stirpe_infernale]

 

 

Autori: AA. VV.

Titolo: Stirpe Infernale

Curatori: Filomena Cecere, Alfonso Zarbo e Roberto Carlo Deri

Copertina:  Sara Forlenza

Prefazione: Vito Di Domenico

Postfazione: Roberto Carlo Deri

Casa editrice: Editori Riuniti GDS, collana Nocturna

ISBN: 978880687129

Pagine: 266

Prezzo: € 14,00

 

Stirpe Infernale: Ci sono temi che riescono a scatenare l’interesse degli artisti e del pubblico indipendentemente dal fatto che siano stati ampiamente sfruttati nel corso degli ultimi duemila anni. Questo non significa, però, che tutte le storie “infernali” siano già state narrate. I demoni cambiano con il cambiare del mondo, si aggiornano per restare al passo con i tempi, trovano sempre nuove vie per portare a termine il loro lavoro di tentatori, mentitori, portatori di Oscurità.Quali sembianze assumono? Dove si nascondono? Con quale atavico impulso riescono a scatenare la furia omicida dell’uomo? Ce lo dicono i fuoriclasse della narrativa fantastica italiana, capaci di inquadrare le orde del Diavolo sotto ogni punto di vista per restituirle al lettore in tutte le sfumature. Racconti gotici e urban fantasy, sword and sorcery e d’azione, tendenti alla fiaba e al comico; e ancora med-fantasy, weird-horror e sperimentali in un’antologia provocante e ambiziosa, destinata a far parlare di sé.  L’Inferno vi attende!

Intervista al vincitore del Premio Cittadella 2012: Francesco Barbi

Cari amici di Fantasy on Air, come saprete quest’anno la vostra amata redazione ha avuto l’onore di far parte della giuria del  Premio Cittadella. Oltre a ringraziare Fabiana Redivo che ci ha coinvolto in questa magnifica impresa, vorremmo complimentarci con tutti i partecipanti al premio che hanno dato tutto loro stessi e in particolare con i primi tre classificati della sezione Fantasy: Francesco Barbi, Roberto Re e Alfonso Zarbo.

Dato che l’occasione fa l’uomo ladro e che Chiara Codecà si aggirava da quelle parti, abbiamo deciso di prendere due piccioni con una fava: abbiamo messo cuffie e microfono a Chiara e ci siamo grattati animatamente la pancia mentre lei si occupava di intervistare Francesco in stile Fantasy on Air.

Ascoltate l’intervista fatta con l’aiuto di Chiara Codecà a Francesco Barbi, il vincitore del Premio Cittadella:

[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2012/06/Barbi_cittadella.mp3|titles=Barbi_cittadella]
Vi ricordiamo inoltre che Chiara intervisterà Joe Lansdale il 12 Giugno a Pavia e il 17 Giugno farà da interprete, sempre per Lansdale, a Rimini per MarediLibri. Riuscirà la nostra eroina a produrre un’intervista altrettanto surreale? Noi abbiamo fiducia in lei!! In bocca al lupo Chiaretta e ancora complimenti ai vincitori.

Meet Graham Edwards

Here we are with our brand new experiment: find the authors that aren’t still translated into Italian and bring their voices to the Italian market.  We hope to see them  in our bookshops as soon as possible.

If you belong to the lucky ones that can read them in English, we hope this interviews can make you know something new about them.

Just a warning: This is the first of a long series of  “not in Italian language” interviews, it means that we are ready to conquer the world! 😉

So let us introduce our first victim, who lends himself to be tortured by us with a great sense of humor: Graham Edwards, the author of Dragoncharm and The String City Mysteries series.

Dear Graham, first of all thanks for granting us this interview. Welcome to Fantasy on Air.
We hope you enjoy  yourself with us and that we will soon meet live in the flesh.
Let’s start by introducing you to the Italians: Graham Edwards, writer, born near Glastonbury Tor, now living in Nottingham. First question: are you Robin Hood?

No. However, I was a member of an archery club a few years ago. I was hoping we might get to storm Nottingham Castle, but apparently there are laws against it.

Ok seriously (but not too seriously), when did you start writing, and when did you decide that it would be your chosen path?

I’ve been writing for as long as I can remember. Possibly longer. As a child I made scruffy comic books, then graduated to writing bad science fiction stories on a battered typewriter. Gradually the bad science fiction got better. While I was an art student, I self-published a one-off SF comic called Colossus with my friend Andy Wicks, but I was in my mid-20s before I decided it was time to knuckle down and write my first novel. That turned out to be Dragoncharm, which was published by Voyager Books in 1995.

Who are your favourite authors? Which writers or books most inspire you?

I’m one of Stephen King’s ‘constant readers’. I’ve long been a fan of Robert Holdstock’s luscious English mythology and Stephen Baxter’s hard-but-human science fiction. There are special slots on my bookshelves for John Crowley and Jonathan Carroll. I worship Neal Stephenson. Adam Christopher’s new on the block and rather good. Oh, and there are so many more …

What does Graham do in his spare time?

I have a day job working as a graphic designer so if you catch me with any spare time I’ll usually be writing. Or writing. Or, just possibly, writing.

You write both short stories and novels, which do you prefer?

I guess the answer is novels. My short stories frequently end up as beginnings of books rather than complete pieces. My instinct is always to add characters, motivating circumstances, sub-plots, ravening monsters, you know.

Most of my so-called short stories weigh in at around 10,000 words, which drops them firmly into the novelette category. Having said that, when I get a good idea, I love the self-discipline it takes to keep a short story smart and tight and, well, short.

In Italy Sci-Fi and Fantasy are considered just “books for children”, is it different in the UK?  Would you like to say something to aid our cause  “dreams and nightmares are important”?

I think it is different in the UK. If you stopped the average person in the street and asked them who reads SF/F, I don’t believe the first answer would be ‘children’. (Actually the first answer is more likely to be ‘geeks and nerds’ – the UK’s ghetto is just a different shape to the Italian one.)

There’s still an underlying perception that SF/F isn’t serious literature – and yes, that it’s childish. But things may be improving. Writers like China Miéville are helping to elevate critical perception of the genre. And it seems to me that book covers are reflecting a move towards a more adult presentation, rejecting pulp genre cliches for more subtle designs.

It’s always puzzled me why SF/F is so dominant in cinema and TV and yet so ignored in literature. There’s no doubt that many of the traditional SF/F tropes appeal to a young adult audience – exactly the same demographic that excites Hollywood investors. It’s a problem that most fans of the genre complain about sooner or later. I don’t worry about it. I know what I like, and I know there are plenty of incredibly talented writers able to deliver it to me.

As for your assertion that ‘dreams and nightmares are important’, I absolutely agree. Storytelling has it roots in prehistory, when our ancestors sat around their fires telling each other tales in the dark. Stories allow us to face the monsters, both those inside us and those that prowl the world around us. Story is fantasy – it’s as simple as that.

Let’s talk about the The String City Mysteries series. It is a particular collection of hard boiled stories, set in a world where people passes through different universes. When did the idea come from?

Having watched a lot of film noir as a youth – The Maltese Falcon, The Big Sleep and so on – I suddenly realised I’d never read the classic literature. I immediately started reading. It was a Dashiell Hammett anthology that really fired me up. I loved the atmosphere, the dialogue and, of course, the stories. I loved them so much I had to give it a try. It turned out to be a lot harder than I’d thought. It’s easy to create a pale imitation or a parody of the hardboiled style. It’s a lot harder to do it well. I’ve no idea if I managed it or not, but I had a lot of fun trying.

The big difference with my stories is that they’re fantasies. The central mystery of The Wooden Baby revolves around fairies and changelings, and later stories in the series concern themselves with everything from werewolves to syrens and zombies to angels. I’m not the first person to mash up the two genres of fantasy and crime, but I doubt there’s anybody out there who’s enjoyed it quite so much.

What would you like to find in another universe if you could go there?

Surprises.

The Wooden Baby is the first story of  The String City Mysteries, did you know when you were writing it that it was going to be the first in a series?

No. I wrote The Wooden Baby simply so I could fool around with some of the hard-boiled archetypes. I deliberately placed my private investigator hero in a nebulous, rain-drenched space that was neither in this world nor any other. I didn’t even give him a name. He wasn’t so much a fantasy detective as an existential one.

After I’d finished The Wooden Baby, something about the character stuck in my head. The next thing I knew, I was imagining what might happen if a wolf-man came crashing through his office door on the end of a bullet, which led me to write the second story in the series: Dead Wolf in a Hat. This time I knew I needed a little background material, and so I started sketching in a fantastic city that, even though it’s populated by the strangest of beings, nevertheless seems terribly familiar. Since then, the whole thing’s just grown and grown.

The Dame Don’t Whimper, the sixth story of  The String City Mysteries series, has just been published.  Have you already thought about the next one?

Yes – in fact, it’s already written. It’s called Lifestrings of the Loving Couple and it should be available from 40k Books soon. The story follows our detective hero as he tries to locate a woman’s missing soul and does battle with a gigantic magpie.

How many stories there will be?

Lifestrings is the seventh and final story in this particular sequence. I’ve recently finished the first draft of a novel called String City Apocalypse, which takes up the narrative more or less where Lifestrings ends. The novel is the culmination of everything I’ve written about this strange world so far. As well as giving my detective a pile of new cases to solve, it also reintroduces some of the characters from the stories and ties up most of the plot threads I’ve left hanging loose. It’s a kind of grand finale, I suppose.

I have outlines for other stories as well. I’m not sure what form they’ll take ultimately. But I can assure you the underlying mystery of String City is not yet solved!

Which is your favourite story of  The String City Mysteries?

I love them all, for different reasons. Girl in Pieces has the tightest narrative and is probably technically the best story. I have a soft spot for Still Point, perhaps because it contains some of the key plot points that drive through into the novel. And because my hero gets to kiss an angel.

Let’s play a little game. Choose a song or a piece of music – a kind of soundtrack – for each of your stories.

Unlike some writers I prefer to write in silence, so I don’t always associate music with specific stories. But if I had to assemble a short playlist for String City as a whole, it would probably include the Blade Runner soundtrack, a little Duke Ellington, Iggy Pop’s The Passenger and an old track by Godley and Creme called An Englishman in New York.

Last question, then you will be free, we promise, what about the future? What are your plans?

The simple answer is to keep writing. I’m quite excited about a murder mystery I just finished called The Frozen King. I also have this crazy idea for a fantasy epic that, for various structural reasons, would take seven books to tell. The idea’s been in my head for years and I haven’t yet had the courage to start putting down the words. Maybe soon …

Well, thank you for your time.

It’s my pleasure!

GRAHAM EDWARDS: he was born in England near Glastonbury Tor and now lives in Nottingham. Graham’s love of drawing took him to art college in London, which led in turn to a career as a graphic designer and animator. He’s also worked as a script writer and multimedia producer for theme parks and visitor centres. Graham Edwards’s first novel Dragoncharm was directly inspired by Watership Down. Graham thought if Richard Adams could write an epic adventure about rabbits, maybe he could do the same for dragons. Dragoncharm and its sequels all received nominations for Best Novel in the British Fantasy Awards. In later fantasy novels, Graham travelled through time to explore the dizzying heights of a world-sized wall called Stone. Graham’s short fiction has been published in US magazines and collected for anthologies. One of these – Girl in Pieces – made the longlist for the Nebula Awards. The String City Mysteries, a series of novelettes about a hard-boiled detective who just happens to work in a parallel dimension, is currently available as a set of ebooks. Graham has also written a number of novels, both crime and fantasy, in collaboration with book packagers Working Partners Two. These are under pseudonym, so there’s a chance you’ve read one of his books without even realising it.

Visit Graham Edwards’ website

Riascolta la puntata con Chiara Codecà

Vi siete persi la diretta di ieri sera?

Non ve la siete persi ma vi piacerebbe risentirla?

In entrambe i casi potete!

Vi basterà cliccare QUI per riascoltarla.

Enjoy!

P.S. Per i vincitori di Fab… lo stiamo impacchettando, ancora un po’ di attesa e ve lo spediremo!

Fantasy on Air: I Like it!

Amici e amiche aiutateci a fare crescere la nostra pagina facebook.

Mettete un MI PIACE su FANTASY ON AIR

Seguiteci anche su Twitter @FantasyOnAir

ne vedrete delle belle!!

È in arrivo Imaginarium Latina Fest, la kermesse del fantastico

La Presidenza del Consiglio Provinciale di Latina con il patrocinio del Consiglio Comunale dei Giovani e il Comune di Latina Assessorato al Turismo promuove il primo Festival del Fantastico organizzato da Chimera Associazione Culturale.

Sabato 2 giugnoDomenica 3 giugno Museo della Terra Pontina, Piazza del Quadrato Latina.

Obiettivo del progetto è colmare la mancanza sul territorio della provincia di Latina di un evento culturale che riguarda il fantastico.
Imaginarium Latina Fest ha lo scopo di diventare un grande punto di riferimento del centro sud per gli appassionati del genere, facendone conoscere i molteplici aspetti: dalla letteratura all’illustrazione, dal fumetto all’esibizione di cosplayer e altri quali giochi di ruolo e giochi da tavolo.

Saranno presenti autori e illustratori di fama nazionale.

L’evento si svolgerà nelle sale della struttura museale Terra Pontina in piazza del Quadrato. Oltre a presentazioni di libri, visioni di films e giochi di ruolo, la prestigiosa location permetterà, per la fruibilità degli spazi, un percorso espositivo tra passato, presente e futuro, tra realtà e fantasia, rappresentato da romanzi, poesie, quadri, illustrazioni, sculture, miniature e fumetti.

PROGRAMMA

Venerdì 1 giugno
Ore 12.00: Conferenza stampa presso Museo della Terra Pontinain Piazza del Quadrato.
Interverranno: l’Associazione Culturale Chimera – Il Senatore Michele Forte Presidente Consiglio Provinciale di Latina- l’Assessore Gianluca Di Cocco – Assessorato al Turismo di Latina – Simona Mulè – Consiglio Comunale dei Giovani di Latina, Presidente Commissione Politiche Sociali.

Sabato 2 giugno:

Sala convegni Museo della Terra Pontina

Ore 16.00 inaugurazione dell’evento
Ore 16.30 Presentazione Fantasia al potere (progetto Little Dreamers) – AA.VV.- Casini Editore
Ore 17.00 Presentazione Evelyn Starr – Azzolini/Falconi – Piemme Editore
Ore 17.30 Presentazione Muses – Francesco Falconi – Mondadori Editore
Ore 18.00 Presentazione La morte non fa rumore -AA.VV. – Il mio libro Edizioni
Ore 18.30 Presentazione de Il concorso di Imaginarium e Altrisogni.

Domenica 3 giugno:

Sala convegni Museo della Terra Pontina

Mattina
Ore 10.00 Presentazione film Dark Resurretion – regia di Angelo Licata – Riviera Film
Ore 11.00 Presentazione La mano sinistra di Satana – Roberto Genovesi – Newton Compton
Ore 11.30 Presentazione rivista Altrisogni
Ore 12.00 Presentazione della serie Legend – soggetto di Bruno Pezone, regia di Salvatore Manzella, responsabile Giuseppe Cozzolino.

Pomeriggio
Ore 16.00 Presentazione Londra 2060 -Roberto Carlo Deri – Nocturna
Ore 16.30 Presentazione Il bambino dei moschini – Paolo Di Orazio – DEd’A
Ore 17.00 Presentazione Anna Giraldo – Thunder + Lightning – Casini Editore
Ore 17.30 Presentazione Stirpe Infernale AA.VV. – Nocturna
Ore 18.00 Presentazione Lellerith. I tratti dell’ingiuria – Filomena Cecere – Chimera Edizioni
Ore 18.30 Presentazione Concorso di Imaginarium e Altrisogni.

Sabato dalle 16.00 alle 20.00 e domenica dalle 10.00 alle 20.00

Museo della Terra Pontina
Percorso espositivo con quadri, poesie, libri e miniature ed elementi scenici realizzati e dipinti a
mano dall’artista Celestino Angiolilli, oltre ai fumetti del collezionista Luciano Ranfone.

Piazza del Quadrato
Giochi organizzati dall’associazione ludico culturale In cerca di avventura
-Partite di giochi di ruolo di: Warhammer Fantasy (Gioco di miniature); Warhammer 40K (Gioco di miniature Fantascientifico);D&D, Magic, Ciberpunk;
-Dungeons&Dragons dal vivo con esposizione di armi in lattice, costumi;
-Figuranti in costume Fantasy Medievale;
-Tavolo per dimostrazione di tecniche di pittura per miniature;
-Tavolo per dimostrazione di scultura di modellini Fantasy;
-Arena dei gladiatori per bambini;
-Raduno di Cosplayer;

Illustratori presenti: – Emiliano Petrozzi (autore dell’illustrazione di locandina) – Simona Diodovich – Danilo Angeletti

Partners dell’evento: – Presidenza del Consiglio Provinciale di Latina – Comune di Latina – Assessorato al Turismo – Consiglio Comunale dei giovani – Comune di Latina – Banca Popolare di Fondi – Sistemi Informativi – A No Reality Production – Chimera Associazione Culturale – Rivista Altrisogni, Delos Book – Associazione ludico culturale In cerca di Avventura – Radio Luna – Book Empathy Blog – Fantasy on air – True fantasy – Reader’sBench – Stefano Di Marino

Contatti:
chimera.associazione@libero.it
www.chimeraeventi.it
Filomena Cecere
e-mail: filomenacecere@gmail.com
Cinzia Volpe
e-mail: cnz@iol.it

Lunedì 4 Giugno Fantasy on Air torna in diretta

E dopo mesi di assenza lo staff di Fantasy on Air è finalmente pronto per riprendere in mano i microfoni!! Per un ritorno col botto abbiamo pensato di sorprendervi con un puntata fori dagli schemi. Ospite in studio sarà Chiara Codecà, preziosa esperta di serie televisive e famosa firma di Fantasy Magazine.

Dopo essersi incontrati a Lucca, fra Chiara e lo staff più pazzo del mondo è nato l’amore e la promessa di una puntata tutti insieme!!

Se anche voi siete in crisi di astinenza per la fine delle vostre serie preferite, volete sapete quali verranno rinnovate e quali no e magari anche soddisfare qualche piccola curiosità, non mancate Lunedì 4 Giugno alle 21.00 su win.improntadigitale.org!

Nel frattempo scriveteci su fantasyonair@improntadigitale.org

Stay Tuned!

 

Attraverso i Regni di Nashira con Licia Troisi

Domenica 13 maggio , Licia Troisi è comparsa al Salone del Libro di Torino per condurci a Nashira, il nuovo mondo da lei creato. Accanto a lei, sul palco, Sandrone Dazieri, editor, amico e spalla infaticabile di Licia. Il pubblico non si è
fatto pregare e, dopo aver ascoltato attentamente cosa Licia aveva da raccontare su Il sogno di Talitha, non ha preso occasione di porgere innumerevoli domande alla scrittrice.

Ovviamente noi abbiamo registrato tutto!!

 

Ascoltate la conferenza e le risposte di Licia:

[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2012/05/salone/troisi.mp3|titles=troisi]

 

Titolo: Il sogno di Talitha. I regni di Nashira.

Autore: Licia Troisi

Editore: Mondadori

Pagine: 428

Isbn: 9788804613428

Prezzo: € 19,00

 

Il sogno di Talitha. I regni di Nashira: Nashira è un mondo in cui l’aria è il bene più raro: solo gli immensi alberi che ricoprono l’impero di Talaria possono produrla e un’arcana pietra è in grado di trattenerla. Tutte le città vivono alla loro ombra, e un antico dogma impedisce agli abitanti di osservare direttamente il cielo e i suoi due soli. È così che Talitha, figlia del conte del Regno dell’Estate, è sempre vissuta, finché la morte improvvisa dell’amata sorella non la costringe a prendere il suo posto in monastero. Ma Talitha è una combattente e quella vita, con i suoi intrighi e le sue proibizioni, le va stretta: il suo destino è la spada, e con il fedele schiavo Saiph progetta di fuggire. Non sa ancora che le sacerdotesse proteggono un segreto: il mondo sta per essere distrutto, minacciato da un male che presto trasformerà ogni cosa in un incubo di fuoco, e solo un essere di razza sconosciuta, imprigionato e nascosto come eretico, sa come salvarlo. In un universo rigidamente diviso tra schiavi e uomini liberi, fede e dubbio, verità e oscurantismo, Talitha dovrà affrontare un viaggio fino alle terre più fredde di Talaria e trovare l’unica risposta in grado di salvare Nashira.

Ascolta R.I.D.

Agosto 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031